Alle porte del paese "U pitt d'a mang" nel Rione manca è possibile ancora ora trovare una grande pietra "a murg" dove erano soliti trovare sollievo coloro i quali, al rientro dalla campagna, sentivano la necessità di rifiatare…

Sing' quò apprim' matin'
cum' facia semb; appasset tand tiemb,
cchiù di mienz' secul
ma ci sim' angor'
cum t'ei sfugliet, cum t'ei cunsumet
no, n'am cunsumet;
mi ricord' quann arrivev'
c'a fasc'tell d'o leun sup o spall
e ca sper nchep ca spurtell'
d'rrobb stang e strutt
mi spuni' a ddi te
pi mm' ripusò;
quanda sudur m'ei asciuchet
e quand n'ei asciuchet a mamma mi'
e attan' mi' cum attutt
quand lat'. Iera nat tiemb,
tiemb passet di patenz e sacrific'
ma angh si c'ian stet
o patenz su bell' ricord'.
si dic' e gghiu ver
ca quann si grann si viv'
di ricord'.

Commenti   

0 #5 Super User 2014-02-01 11:54
Sono questi i ricordi che ti sostengono nella vita, orgogliosi dell'appartenen za alla propria terra. Bella, bellissima... scrivine ancora... compar Ettore.

Giuseppe Arbia, 23 Novembre 2012
0 #4 Super User 2014-02-01 11:53
Mi è stato difficile leggere il mio dialetto,chiedo venia,la poesia è lo specchio dell'anima di Ettore.

Paolo Pietro Asproni, 1 Febbraio 2009
0 #3 Super User 2014-02-01 11:52
Ciao papa' Ettore! ke poesia!complimenti!
ke dire parte della storia della tua vita raccontata in parole semplici ma piene di significato!!
Sei unico!!

Raffaele, 18 Novembre 2008
0 #2 Super User 2014-02-01 11:51
Dire stupenda e' troppo poco...sono parole che ti fanno capire il valore della vita, sei grande...

Angela e Andrea, 18 Novembre 2008
0 #1 Super User 2014-02-01 11:50
è bellissima papà! Sei troppo forte!

Filo, 18 Novembre 2008

You have no rights to post comments

Area Utenti Registrati

Accedi al Portale con le tue credenziali

Iscriviti alla Newsletter