Non passa giorno, purtroppo, che non si senta, attraverso gli organi di stampa, l’ennesimo fatto di cronaca; sembra che sia diventata, macabramente parlando, una moda, alla quale oramai ci stiamo abituando in maniera distaccata e con decisa indifferenza. Non si riesce, infatti, a volte a distinguere un fatto di cronaca trasmessa dal telegiornale

dalla finzione scenica di violenze di film, telefilm, etc. trasmessi frequentemente ed in modo martellante dalla televisione e/o da altri apparecchi multimediali! Chi scrive, evitando volutamente di entrare nella mente di chi commette efferatezze, si limita soltanto ad un’analisi  leggera e soggettiva di quanto sta consumando la nostra cara Patria. Si avverte un diffuso malessere sociale, dovuto certamente ad un periodo buio e di crisi che si respira, ma questo non può e non deve costituire un alibi, che il più delle volte sfocia in violenza urbana. Tra le varie forme di manifestazione di questa violenza ne evidenzio alcune: cittadini che portano in auto spranghe, asce, grandi coltelli e non solo, armi queste sempre pronte all’uso e, ahimè, sempre di più con effetti letali; atti di bullismo; violenze e stupri di branco; madri e/o padri che si "sbarazzano", massacrandoli, dei propri figli per motivi, a detta dei loro legali, di gelosia e di ripicca verso il rispettivo coniuge. Per ogni atrocità commessa c’è sempre il solito ed inconfutabile sotterfugio, che denota l’abilità e la mancanza di decenza di legali pronti a tutto, dell’incapacità di intendere e della relativa consulenza psichiatrica del proprio assistito. È vero che ogni storia ed il relativo dramma derivato è a se stante, e meno male che sia così, e che ogni violenza commessa è da osservarla nella sua complessità, ma è possibile certamente concludere che tutte queste storie di brutalità umana abbiano un denominatore comune che, sicuramente secondo me, sia da ricercare nella famosissima analisi fine e sintetica di un’anziana donna e contadina di Castronuovo di Sant’Andrea, che purtroppo è morta portando con sé la sua profonda saggezza, la quale "giustificava" ogni atto di sopruso, di violenza, di bestialità umana con queste efficaci e sibilline parole: Mariù, l’aria è infetta! 

Mario Di Sario

Commenti   

+1 #1 maria antonietta galasso 2014-03-04 12:00
Hai ragione Mario L'aria è infetta! L'aria che respiriamo ci soffoca perchè siamo perennemente insoddisfatti, perché siamo sempre alla ricerca di un qualcosa che non troviamo mai in un degrado morale che è sempre più evidente. La soluzione? l'analisi lucida del nostro tempo storico per ricercarne causa ed effetti, e spesso soluzioni che seppur non durature ci facciamo vivere meglio. maria anto

You have no rights to post comments

Area Utenti Registrati

Accedi al Portale con le tue credenziali

Iscriviti alla Newsletter