La partita col Castelluccio rischiava, a dieci minuti dalla fine, di essere un’occasione persa per l’ACD Castronuovo per ottenere tre punti che sembravano di essere alla nostra portata.

L’inizio dell’incontro è stato determinato da scontri a centrocampo, che impedivano giocate fluide da entrambe le formazioni, e da giocate personali

che non hanno impensierito i due portieri; c’è da evidenziare, per onore di verità, lo splendido stop-and-gol del numero 7 del Castelluccio che pareva, ma lo è, di un’altra categoria superiore. Con un primo tempo chiuso sul vantaggio dei padroni di casa e con diversi errori al centro del campo si va negli spogliatoi con la consapevolezza di aver sprecato un tempo e con l’amarezza del Direttore Generale Cirigliano che ai giocatori dice "se continuiamo così prenderemo altri tre gol e basta…" Parole che fanno rumore e che scuotono i nostri. Pochi, ma fondamentali, accorgimenti tattici da parte dei tecnici cambiano il volto della partita; Leonardo Tanese arretrato, l’uscita di un Marco Allegretti sottotono per uno scalpitante Umberto Micele e l’elezione a Ministro della difesa di Giovanni De Risi. Per il Castelluccio non vi è stato altro da fare che cercare con lanci lunghi le punte, senza ottenere l’esito desiderato. Il Castronuovo inizia a realizzare che la partita può essere vinta, basta che se ne presenti l’occasione; occasione servita. Una punizione dal limite di Piero Bruno, battuta con forza e con un’ininfluente deviazione della barriera, determina un pareggio meritato e consolida la convinzione della vittoria, che arriva nel primo dei tre minuti di recupero; invenzione con passaggio a smarcare di Piero Bruno per Rocco Ripoli, il quale dinanzi al portiere…

Risultato finale 1-2. Nient’altro da aggiungere se non fare i complimenti ad un collettivo fantastico se ognuno da il meglio di sé.

Mario Di Sario

You have no rights to post comments

Area Utenti Registrati

Accedi al Portale con le tue credenziali

Iscriviti alla Newsletter